Una soluzione direttamente dal ”Canone del tè”, monografia dell’anno 758

L’arte di bere il tè è un poema ritmato da movimenti armoniosi.
(Nitobe Inazō)

Sicuramente qualche volta vi sarà capitato di voler preparare un ottimo tè ma, non avendo a disposizione un termometro per misurare la corretta temperatura, magari avete rinunciato per non rovinare quel delizioso e aromatico tè verde China Jasmine Bio o il delicato tè bianco China Pai Mu Tan…Oggi vi svelerò alcuni semplici accorgimenti affinchè, d’ora in poi, non dobbiate mai più perdere l’occasione di bere il vostro tè preferito.

Teiera di vetro su sfondo nero

Nel caso si voglia preparare un Tè Nero non si presentano molti problemi dato che l’acqua deve raggiungere il pieno bollore a 100° C ( in realtà ci si dovrebbe fermare un attimo prima di raggiungere la piena ebollizione, come vedremo in seguito )

Se invece ci accingiamo a preparare un tè verde, come un fantastico China Jasmine Bio, la domanda che ci si pone è : ” Come faccio a sapere la temperatura dell’acqua senza misurarla con un termometro o con altri mezzi?? “

Una soluzione a questo problema ci arriva direttamente da quella che è ritenuta la più antica monografia sul tè, Il Canone del Tè, scritta nel 758 da Lu Yu, detto il Dio del tè.

Quanto alla bollitura, quella con bolle come occhi di pesce e suono debole è considerata la prima bollitura. Quella in cui le bolle, simili a perle di una collana, si raccolgono lungo il bordo del recipiente come in una sorgente gorgogliante è considerata la seconda bollitura. Quella simile a marosi che montano e onde che s’infrangono è considerata la terza bollitura. Superata la terza bollitura, l’acqua invecchia e non la si può più bere.

L’OSSERVAZIONE

Imparando ad osservare l’acqua nel pentolino, infatti, potremo capire, con una buona approssimazione, la temperatura che ha raggiunto senza ricorrere all’ausilio di altri strumenti.In particolare, basterà porre attenzione alla grandezza delle bollicine che si creeranno nell’acqua e al vapore che si è generato.

Teiera fumante su sfondo nero

L’occhio del gamberetto

Ebollizione acqua a 71-77 gradi

Bollicine grandi quanto capocchie di spillo che somigliano a occhi di gamberetto, iniziano a salire in superficie. Il vapore è appena visibile. La temperatura dell’acqua è di 71-77° C ed è ottima per i Tè Verdi giapponesi ed i Tè bianchi.

L’occhio del granchio

Ebollizione acqua a 71-77 gradi

Le bolle sono grandi quanto occhi di granchio e il vapore sale verso l’alto in flussi verticali. L’acqua è a 77-80° C, ideale per i Tè Verdi cinesi e i Verdi Darjeeling.

L’occhio del pesce

Ebollizione acqua a 82-88 gradi

Le bolle sono grandi come perle ed è presente molto più vapore rispetto alla fase dell’occhio del granchio. La temperatura dell’acqua ora è di 80-88° C, perfetta per gli Oolong.

La collana di perle

Ebollizione acqua 90-96 gradi

Le bolle sembrano collegate l’una con l’altra in un flusso continuo. Siamo a 90-96° C: è il momento dei Tè Neri e i Pu-erh.
Come accennato in precedenza per i Tè Neri e i Pu-erh si dovrebbe evitare la completa ebolizzione dell’acqua per un motivo che deriva dalla fisica. Quando l’acqua bolle inizia a perdere molto ossigeno e questo, sebbene non influisca sulle proprietà del tè, può modificarne il sapore poichè trasporterà meno aroma.

CONSIGLI e SOLUZIONI

Un consiglio per una teiera con la quale puoi controllare l’infusione del tuo prezioso tè? Detto fatto:

http://www.clickcafe.it/shop/tazze-e-teiere-in-vetro-finum/1054-teiera-in-vetro-con-tappo-nero-e-filtro-integrato-1l.html

Non ti fidi invece delle tue capacità tecniche e vuoi comunque acquistare un termometro per misurare la temperatura dell’acqua? Abbiamo anche questo!

http://www.clickcafe.it/shop/tazze-e-teiere-in-vetro-finum/1054-teiera-in-vetro-con-tappo-nero-e-filtro-integrato-1l.html